Consegnate le borse di studio per tesi di laurea sulla Valle Brembana

Si è svolta venerdì 3 maggio, nella sala “Pietro Busi” della Comunità Montana a Piazza Brembana, la consegna delle borse di studio assegnate agli autori di tesi di laurea dedicate alla Valle Brembana

Al concorso per borse di studio destinate agli autori di tesi di laurea o prove finali dedicate alla Valle Brembana hanno partecipato 19 giovani laureati.

Le borse di studio, messe in concorso dal Centro Storico Culturale Valle Brembana con il patrocinio e la collaborazione della Comunità Montana Valle Brembana, erano dedicate alla memoria di Cristian Bonaldi, di Oltre il Colle, storico della Valle Brembana e socio del Centro Storico Culturale.

Requisiti per l’ammissione al concorso erano che le tesi o le prove finali avessero come argomento uno o più aspetti di carattere culturale, storico, ambientale, artistico, economico, sociale, religioso, politico, ecc. riferiti all’ambito della Comunità Montana Valle Brembana o di uno o più dei paesi o aree ambientali che ne fanno parte.

Dei 19 elaborati ammessi, 9 sono tesi magistrali, di cui 2 in lingua inglese, 8 sono prove finali triennali e 2 sono tesi di dottorato o di master.

Le tesi e le prove finali, presentate in duplice copia, andranno ad incrementare il patrimonio librario del Centro Storico Culturale e della Comunità Montana e saranno messe a pubblica disposizione.

La giuria, composta da qualificati soci del Centro Storico, ha esaminato le tesi presentate, rilevando che si tratta di elaborati dedicati ad argomenti assai diversificati e spesso poco conosciuti, e le ha valutate tenendo conto di: significatività della ricerca in ordine alla conoscenza della Valle Brembana; pertinenza dell’argomento e dell’organizzazione complessiva; originalità dell’approccio e chiarezza dell’esposizione; organicità nello svolgimento della parte teorica.                                              

Ha quindi stilato la graduatoria di merito, assegnando borse di studio sotto forma di buoni acquisto di materiale didattico ai primi tre classificati di ogni categoria e altri riconoscimenti per menzioni speciali e partecipazione, per un montepremi totale di tremila euro.

Questi i risultati.

TESI MAGISTRALI

Vincitori

1° premio a GIULIA COLOMBO per la tesi I ponti medievali: manufatti artistici e funzionali. Storia e sviluppo in Europa e nel contesto montano della Valle Brembana

MOTIVAZIONE

Il punto di convergenza dell’elaborato della dottoressa Giulia Colombo è sostanza del terzo capitolo dedicato allo studio dei ponti medievali della Valle Brembana. Pagine che si fanno apprezzare per la disamina puntuale, rigorosa e appassionata di un tema che è nodo cruciale della storia e della vita socio-economica vallare: il tema della viabilità. La singolarità dell’oggetto di studio si compone altresì di ragguardevoli notazioni di carattere estetico e funzionale. L’ambito brembano dell’elaborato è anticipato da nozioni di carattere storico e tecnico più vaste (nazionali ed europee) organicamente introduttive e condotte con piglio di sostenuta erudizione. Avvalorando con ciò un pensiero che si configura idealmente così: tanto le grazie, quanto le disgrazie della storia e della cultura locale declinano la loro valenza, esprimono la loro consistenza storica e culturale nel rapportarsi all’ambito più ampio e generale che le ingloba.

2° premio p. m. a CHIARA MAZZUCCHELLI per la tesi Appartenenze contemporanee e nuove forme turistiche. Il caso dell’Albergo diffuso di Ornica

2° premio p. m. a ILARIA ROVELLI per la tesi Opportunità di sviluppo e valorizzazione per l’area montana dell’alta Valle Brembana. Ripartiamo dalle persone

2° premio  p. m. a MARCO GALBUSERA per la tesi Innovative strategies for the future of italian small municipalities in internal areas. The case of Cornello dei Tasso in the Brembana Valley

Ottengono un contributo di partecipazione le tesi di:

RICCARDO PEREGO Tra cesure e continuità: Bergamo e il controllo del territorio in epoca napoleonica

RITA GERVASONI Welfare di comunità: i contributi della società nella definizione delle politiche sociali. Il caso della Valle Brembana

MARTINA CALEGARI e GIULIA MORANDINI Fragilità montane. Percorsi e sinergie tra produzione e turismo per un’economia circolare. Il caso di Lenna

LISA EGMAN Il turismo in Val Brembana: passato e presente. Il caso di riqualificazione del Grand Hotel di San Pellegrino Terme

MARTINA VINCENTI  From ancient communication routes to the mountain elsewhere: enhancing connection and communication networks a soustainable tourism perspective

PROVE FINALI TRIENNALI

Vincitori

1° premio a LAURA COVELLI per la tesi Due storie di emigrazione dalla Valle Brembana raccolte attraverso i social media

MOTIVAZIONE

La tesi di Laura Covelli ricostruisce le vicende di due emigranti brembane: due storie emblematiche delle difficoltà e della miseria, ma anche del coraggio, che caratterizzarono l’emigrazione bergamasca tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.

L’originalità dell’elaborato è costituita dall’approccio metodologico, caratterizzato dal coinvolgimento dei social media, e in particolare di Facebook, che ha consentito all’autrice di ottenere le informazioni necessarie per avviare e sviluppare la ricerca. È stata così confermata la validità del metodo digitale noto come Snowball Sampling Approach nella ricerca e selezione di fonti storiche inedite che, applicato a Facebook, ha determinato un effetto a cascata di straordinaria efficacia.

2° premio p. m. a GABRIELE MAFFEI per la tesi Studio delle temperature medie in Val Brembana: un’analisi statistica dal 2003 ad oggi

2° premio  p. m. a ALICE TRAINA per la tesiVerso una valorizzazione turistica dei luoghi della memoria. Il caso della Val Taleggio

2° premio p. m. a JESSICA GALIZZI  per la tesi Valorizzare la cultura dei luoghi in rete. La Via Mercatorum da antica strada a percorso di mobilità green tra antichi borghi storici

Ottengono un contributo di partecipazione le tesi di:

GIULIA CARRARA L’emigrazione dalla Valle Brembana in Francia: aspetti sociali e conseguenza culturali

LAURA  MILESI Segni visibili e invisibili di creolizzazioni passate e presenti. I vissuti migratori e la pluralità culturale tra Cordova e la Valle Brembana

ELISA FRANCESCA MOSTACCHI Alla ricerca di un welfare generativo e inclusivo. Un caso esemplare in Valle Brembana (BG)

GIULIA COLOMBO Soldati in trincea. La Grande Guerra nel contesto montano della Valle Brembana

MENZIONI SPECIALI

Vengono tributate menzioni speciali alle due tesi presentate fuori concorso per la loro significatività in ordine alla conoscenza della storia della Valle Brembana.

FRANCESCA BALDINI“La va a pochi”.  Resistenza e resistenti in Lombardia. 1943-1944. La vita di Leopoldo Gasparotto e di Antonio Manzi (tesi di Dottorato)

IVAN BELOTTI: Pacipaciana. Based on the folk tale of “Vincenzo Pacchiana” (tesi di Master)