Il calco del masso CMS1 della Val Camisana

Per iniziativa del Centro Storico Culturale e del Civico Museo Archeologico di Bergamo, e con il contributo e la collaborazione del Comune di Carona, nello scorso mese di settembre è stata ultimata la prima fase dell’esecuzione del calco del masso denominato Camisana 1 (CMS 1) della Val Camisana, in territorio di Carona, il più esteso e archeologicamente significativo tra quelli che si trovano nella vasta area alle pendici del Monte Aga e che sono oggetto da alcuni anni di indagini e studi specialistici. Il masso CMS1 ha la superficie di circa 30 mq e presenta una grande quantità di incisioni, eseguite nell’arco di circa 2500 anni. La realizzazione del calco di questo masso è di grande importanza, in quanto favorirà lo studio del monumento, rendendo possibile l’accesso allo stesso in qualsiasi momento dell’anno e abbatterà i costi di permanenza sul posto da parte dei ricercatori, mentre l’accesso all’originale sarà limitato a determinate esigenze di studio, come i controlli o le riprese fotografiche di dettaglio. In questa prima fase dei lavori è stata realizzata la matrice in negativo con la sua controforma (che previene la deformazione del negativo di silicone e permette la rimodellazione del positivo con gli stessi dislivelli originari della superficie del masso); il calco, che riprodurrà il masso in ogni suo dettaglio e nelle medesime dimensioni, verrà realizzato nel corso del 2017. Per il suo complesso palinsesto, il masso può essere considerato un monumento assolutamente unico e straordinario, sia nel quadro nazionale e internazionale dell’arte rupestre e sia per quanto riguarda l’epigrafia celtica d’Italia e d’Europa.